Male al ginocchio

By on febbraio 7, 2013

La gonalgia (dolore all’articolazione del ginocchio) è un disturbo frequente e può ricoprire trasversalmente diverse fasce di età. Può essere caratterizzata da una sintomatologia lieve fino ad arrivare a quadri clinici invalidanti in base alle cause che ne hanno causato l’insorgenza; le terapie atte a risolvere questo problema fisico sono sia farmacologiche (in genere con anti-infiammatori) che fisioterapiche ed entrambe recuperano la funzionalità articolare con altissime percentuali di successo, evitando così di sottovalutare il problema ed incorrere successivamente alla necessità dell’intervento chirurgico artroscopico.
shutterstock_12923467

[sws_related_postleft showpost=”3″] [/sws_related_postleft] Cause
Trattandosi di un’articolazione molto usata in ogni nostro gesto quotidiano è facile incorrere in piccoli traumi o distorsioni che ne causino un momentaneo e non grave stato infiammatorio, ma è anche possibile subire infortuni più gravi in ambito sportivo, lavorativo o semplicemente per una fatalità nella nostra comune routine di attività.
Le cause di tale disturbo possono essere svariati ma nella maggior parte sono da far risalire ad un movimento traumatico per l’articolazione anche se può capitare di avvertire un dolore costante senza percepire alcun gonfiore della parte; in questo particolare caso potrebbe trattarsi di una forma degenerativa di osteoartrite, patologia per lo più presente nei soggetti di età avanzata e che deteriora progressivamente la cartilagine protettiva dell’articolazione stessa.
Si possono però anche presentare blandi stiramenti o vere e proprie lacerazioni ai legamenti del ginocchio (anteriore, posteriore o collaterale) oppure degenerazioni della cartilagine meniscale o rotulea (condropatia), patologia forse tra le più frequenti negli sportivi sia a livello amatoriale che professionistico.
Si possono presentare in seguito a traumi anche una lussazione della rotula oppure una tendinite del grande tendine che collega la tibia alla patella (sinonimo di rotula) inoltre, una attività lavorativa che induce a frequenti e continuati piegamenti può anche predisporre un soggetto ad una borsite e cioè ad uno stato infiammatorio delle sacche sierose del ginocchio.
In una società in cui si tende alla sovra-alimentazione non bisogna sottovalutare anche l’impatto negativo che l’obesità ha su tutto il sistema osteo-articolare.

Sintomi
Il quadro sintomatologico caratteristico di uno stato infiammatorio di natura traumatica è caratterizzato dal gonfiore e dalla dolorabilità nel piegamento della gamba mentre vi possono essere situazioni con assenza di gonfiore ma sensazione dolorosa persistente quali possono essere le diverse forme artrosiche dell’articolazione del ginocchio. Nel caso di problematiche del menisco non si devono sottovalutare eventi apparentemente innocui come il cedimento del ginocchio mentre si fanno le scale. La rottura di uno dei legamenti causa invece, oltre al forte dolore ed al gonfiore, una mobilità inusuale dell’articolazione.
Con la borsite (ginocchio della lavandaia) la parte è tumefatta ed infiammata, causando fastidio al piegamento, mentre in caso di tendinopatie della rotula si percepisce maggiore fastidio al ginocchio durante la corsa oppure nell’atto di saltare un ostacolo.
In tutti i casi è bene non sottovalutare la propria sintomatologia e chiedere sempre consiglio al medico di base che saprà indirizzare alle visite specialistiche più opportune.[sws_related_postright showpost=”3″] [/sws_related_postright]

Terapie
Nelle forme minori di traumi e contusioni possono essere sufficienti i classici rimedi casalinghi e naturali quali impacchi di ghiaccio e creme di arnica montana per sollevare la parte dolorante. Nei casi di forme degenerative cartilaginee si sono rivelati molto utili gli integratori a base di vitamina C combinata con condroitina e glucosamina, atte a ricostituire il tessuto danneggiato.
Nelle forme infiammatorie acute o croniche si tende generalmente a prescrivere anti-infiammatori non steroidei (FANS) ed a dirigere il paziente verso il terapista fisioterapico. Forme irrecuperabili di patologia articolare sono invece indirizzate verso il trattamento chirurgico. [author] [sws_related_post]

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
Redazione

Author: Redazione

Info su redazione