Ipnosi come anestesia

By on febbraio 26, 2014

Approfondimento articolo: Ipnosi e interventi chirurgici

ipnosi

Chi di noi non ha mai sperimentato un’esperienza di dolore?

Tutti sappiamo che il dolore può essere fonte di sofferenza fisica e mentale, tanto da ridurre drasticamente la qualità della vita, e talvolta può rendere difficile mantenere un lavoro, una vita sociale e affettiva.
La scienza e la clinica dimostrano ampiamente come due dei fenomeni che possono manifestarsi in trance sono proprio quello dell’anestesia e quello dell’analgesia: la prima è caratterizzata dalla mancanza totale della sensibilità allo stimolo in una determinata parte del corpo, la seconda è caratterizzata dalla permanenza della sensibilità, ma privata della componente dolorosa, per cui gli stimoli si avvertono ma il dolore no.

Questa capacità trova moltissime applicazioni:
– Dolore ai denti
l’ipnosi permette di sottoporsi a piccoli interventi, per esempio dal dentista, che spesso è causa di grande ansia e angoscia;

– Dolore da parto
per cui una donna può scegliere di svolgere il training di preparazione in modo da saper gestire al meglio il dolore del parto e l’ansia che questo può creare;

– Dolore Post intervento
nel recupero da infortuni o interventi chirurgici;

– Dolore cronico
che può essere causato da malattie organiche di vario genere (mal di schiena, artrosi, artriti, cervicalgie, fibromialgia; etc.)

– Dolore oncologico

– Mal di pancia:
colite, gastrite, ulcera, reflusso gastroesofageo

– Mal di testa
cefalee;
etc.

Nelle situazioni sopracitate l’ipnosi non è utile soltanto nella gestione del dolore, ma anche per ridurre gli altri sintomi che possono esservi associati (nausea, vomito, prurito), oltre che per favorire la cicatrizzazione delle ferite e quindi velocizzare il processo di guarigione e migliorare l’assorbimento dei farmaci.

Qui di seguito un interessante video relativo all’utilizzo dell’ipnosi come alternativa all’utilizzo di un’anestesia farmacologica:


[sws_facebook_share]

Alcune ricerche hanno dimostrato che l’effetto analgesico dell’ipnosi non è riconducibile nè all’effetto placebo, nè alla paura, nè alla suggestione, ma è un effetto specifico che si manifesta durante lo stato di trance, durante il quale avviene una modulazione di alcuni sistemi sensoriali afferenti che comporta una attivazione normale degli indicatori involontari del dolore quali la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa, la frequenza respiratoria, la sudorazione, ecc.

La nostra mente possiede, dunque, la capacità di controllare il dolore e attraverso l’ipnosi le persone possono sviluppare questa potenzialità, in misura variabile da soggetto a soggetto, in modo da poterla utilizzare all’occorrenza.

L’ipnosi, così come dimostra la scienza e l’esperienza clinica sul campo, è uno straordinario strumento, che permette di sviluppare molte delle potenzialità della nostra mente e insieme ad altri strumenti può certamente migliorare la qualità di vita e il benessere di ciascuno di noi.

Per maggiori informazioni e approfondimenti:
[sws_button class=”” size=”sws_btn_small” align=”” href=”http://www.federicabarce.it” target=”_blank” label=”Federica Barcè sito web” template=”sws_btn_default” textcolor=”” bgcolor=”” bgcolorhover=”” glow=”sws_btn_glow”] [/sws_button]

info@federicabarce.it
tel. 3200771789

[author]

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Author: Federica Barcè

Sono Federica Barcè, una psicologa clinica, ma ciò che mi contraddistingue è la passione e la curiosità per il mio lavoro, passione che coltivo da anni con tenacia, energia e dedizione. Mi sono laureata presso la Facoltà di Psicologia di Padova, ad indirizzo Clinico-Dinamico, e risulto iscritta all’albo degli Psicologi del Veneto con il numero 7475. Mi sono specializzata in Psicoterapia e Ipnosi clinica presso la SIIPE di Roma (Scuola Italiana di Ipnosi e Psicoterapia Ipnotica) e sono socia della SII (Società Italiana di Ipnosi). Uno dei miei ambiti di interesse è la salute, intesa come equilibrio della mente e del corpo, e nel mio percorso ho approfondito come mente e corpo si possono reciprocamente influenzare, sia nel generare la malattia, sia nella possibilità di guarirla. La passione per i mondi diversi dal mio nasce già da ragazzina, quando mi divertivo ad ascoltare e ad osservare le persone, fonte di infiniti stimoli per me, ed è grazie a questo interesse che ho potuto sviluppare e ampliare certe mie caratteristiche e risorse, così come mi piace fare con le persone che incontro. Perché ogni persona ha un potenziale dentro di sé che spesso non viene sufficientemente riconosciuto e sviluppato. Ed è questo il mio principale obiettivo, accompagnare le persone nel viaggio alla ricerca delle proprie risorse, quelle che ci permettono di affrontare la vita con più serenità e coraggio. A tutti può capitare di sentirsi sopraffatti dagli eventi, incastrati nel proprio piccolo mondo dove non si vedono spiragli di luce, e questo porta a chiudersi sempre di più nella stretta realtà di ogni giorno pensando che sia l’unica possibile. Invece un’alternativa c’è sempre, basta saperla cercare e trovare, imparando a vivere le esperienze e a saperle utilizzare… e improvvisamente tutto appare diverso ai nostri occhi e la realtà si riempie di nuovi colori, forme, odori e sapori. E’ sufficiente concedersi una possibilità!