Omeopatia e Omotossicologia nel trattamento delle allergie

By on maggio 2, 2013

In questi ultimi anni la Medicina ha fatto passi da gigante nella terapia delle allergie: la Medicina tradizionale offre eccellenti strumenti terapeutici da cui, soprattutto nelle forme acute e iper-acute, non si può prescindere.
Pensiamo, in particolare, agli antistaminici e ai cortisonici.

allergia-cure naturali

[sws_related_postleft showpost=”3″] [/sws_related_postleft]

Si tratta di terapie fondamentalmente sintomatiche che non risolvono però alla base il problema.

L’Omeopatia e l’Omotossicologia si affiancano alla Medicina convenzionale offrendo terapie efficaci anche nella prevenzione delle malattie allergiche oltre che nella gestione dei loro sintomi.

La complessità della patologia allergica richiede infatti un intervento terapeutico che, soprattutto nella prevenzione e nel trattamento della sintomatologia cronica, non può che essere articolato così da intervenire su ognuna delle cause che hanno condotto il soggetto ad essere un “paziente allergico”.

Di seguito vengono suggeriti per ogni fattore che concorre a sviluppare la patologia allergica i medicinali più comunemente prescritti.

1. Per l’alterazione del Sistema Immunitario

Come noto l’Omeopatia cura il malato e non solo la malattia, cioè cerca di correggere quel difetto in parte costituzionale, in parte determinato dall’ambiente, che ha portato il Sistema Immunitario del soggetto allergico ad essere sbilanciato e quindi a rispondere in maniera anomala nei confronti di sostanze normalmente innocue. Oggi per esempio si dispone di un farmaco, Engystol (HEEL) che, nel tempo, svolge questo compito di riequilibrio della bilancia immunitaria. La posologia consigliata è 1 compressa due volte al giorno per 60-90 giorni.

[sws_related_postright showpost=”2″] [/sws_related_postright]

2. Per la Sensibilizzazione

In Omeopatia per aumentare la tolleranza si utilizzano, tanto quanto nella Medicina tradizionale, dei “vaccini antiallergici”. Di grande efficacia si è dimostrato un medicinale che è una particolare combinazione di pollini e altri allergeni adeguatamente diluiti, Allergy Plex n° 29 (GUNA). La posologia consigliata è 20 gocce due volte al giorno per 60-90 giorni.

3. Per l’esposizione

Spesso i soggetti allergici mostrano un alto grado di intossicazione e questo è il motivo per cui viene consigliato un medicinale che attua un profondo drenaggio, fin nella matrice extracellulare, chiamato Galium Heel (HEEL). La posologia consigliata è 20 gocce due volte al giorno per 60-90 giorni.

Spesso, nei casi meno gravi, basta un primo trattamento di 60-90 giorni per osservare un significativo miglioramento; nei casi più gravi, il trattamento deve essere ripetuto periodicamente ma già dopo i primi cicli di trattamento si osserverà un’evoluzione positiva delle condizioni cliniche del paziente.

L’Omeopatia e l’Omotossicologia offrono terapie efficaci anche nella gestione dei fastidiosi sintomi allergici.

Fermo restando che spetta al Medico curante valutare se intervenire con il farmaco tradizionale o con quello omeopatico, per agire sulla rinocongiuntivite allergica, una delle patologie più diffuse, sono spesso prescritti Luffa comp. Spray nasale (posologia consigliata: 2 spruzzi per narice quattro-cinque volte al giorno) e Euphrasia Heel Collirio (posologia consigliata: 1-2 gocce per occhio al bisogno) grazie ai quali starnuti, naso che gocciola, iperlacrimazione possono essere efficacemente combattuti.

Per risultati duraturi e possibilmente definitivi, è consigliabile quindi intraprendere una terapia che miri a debellare non solo i sintomi ma la patologia allergica nella sua multifattorialità.

[sws_facebook_share]
[author]
[sws_related_post]

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)